Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday2149
mod_vvisit_counterYesterday2268
mod_vvisit_counterThis week16433
mod_vvisit_counterLast week14080
mod_vvisit_counterThis month60761
mod_vvisit_counterLast month71841
mod_vvisit_counterAll days1557341

We have: 16 guests, 5 bots online
Your IP: 54.91.42.7
 , 
Today: Feb 28, 2015

"Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo" (Mc 7,15): la nostra scelta vegetariana non deve essere per desiderio di non "contaminazione" (da cadavere), ma come cambiamento, come cuore puro. Dal cuore infatti esce l'intenzione di uccidere una creatura di Dio per mangiarla. Cambiando il nostro cuore in Cristo e rendendolo in Lui puro riprendiamo l'immagine e somiglianza con Dio Amore, che - neccessariamente - aborrisce ogni violenza. E Dio disse: "Ecco, Io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme:saranno il vostro cibo" (Gen 1,29)

StatutoSante Messe di A.C.V. CalendarioIl veganismo nella prospettiva escatologica della Bibbia

Sito dell'Associazione Cattolici Vegetariani
PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Febbraio 2018 11:17

Benvenuti sul sito di Associazione Cattolici Vegetariani

Questo sito è un punto di incontro, di approfondimento e di studio dei principi che viviamo e testimoniamo.


Per facilitare la navigazione abbiamo suddiviso il sito in categorie tematiche che trovate nelle colonne a sinistra, in modo particolare nella sezione il vegetarianesimo e il cattolicesimo sono inseriti gli articoli che più riguardano nello specifico il legame tra la spiritualità cattolica e l'alimentazione vegetariana:

Sacra Scrittura -       Testimonianze dei Santi -        Preghiera -        Magistero e vita ecclesiale, documenti o scritti in merito al vegetarianesimo o alla tutela del Creato -       Bibliografia sulle tematiche associative.


Per conoscere le nostre attività in corso potete visitare la sezione attività o ancor meglio (visto che non tutte le attività locali sono segnalate sul sito) contattare i vostri referenti di zona  nella sezione contatti.


Potrete ascoltare le interviste che ci sono state fatte o leggere gli articoli che sono stati scritti su di noi nella sezione parlano di noi. Abbiamo inoltre messo a disposizione di tutti i naviganti gli atti (scritti o formato video) dei nostri convegni 2011, 2012 e 2013, del progetto scuola e un focus sulla nostra prima pubblicazione Collaboratori del Creato.


Per i video delle nostre conferenze potete consultare la sezione video sul sito o il nostro canale youtube.
Buona navigazione! Dio benedica tutti i visitatori.

 

QUI TUTTE LE INFORMAZIONI SUL CONVEGNO 2015

Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Febbraio 2015 18:50
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 26 Febbraio 2015 14:37

san Giuseppe Cottolengo

San Giuseppe Cottolengo, dopo un periodo di crisi spirituale, fondò quattro comunità contemplative femminili e una maschile: a tutte diede la regola di non mangiare carne (e di fatto neanche pesce perchè è escluso dal menù che propone) esortandoli a nutrirsi di verdure, legumi, pane, minestra, formaggio e insalata; aggiungendo tra l’altro la prescrizione di non usare il letto[1]. Una delle comunità contemplative fu creata trasformando un gruppo di suore dedite all’assistenza. Un giorno irruppe in cucina con la sua caratteristica impazienza mentre stavano cucinando del bollito e disse: “Pigliate quella carne e portatela alla famiglia del nostro contadino...Per voi, mie care figlie, non entrerà più carne in questa casa. Non mangerete più carne, ma solo di magro, cioè verdura e legumi conditi con olio a seconda di quanto vi manderà la Divina Provvidenza”[2] .

L’episodio mostra come anche in tempi molto recenti (siamo nel XIX secolo), vi sia la consapevolezza che la vita contemplativa è incompatibile col consumo di carne. Gli ordini che ancora oggi osservano questa pratica sono: i Certosini, i Minimi, il ramo Coronita dei Camaldolesi, i Trappisti.

Di più recente costituzione è invece la comunità dei Ricostruttori nella preghiera, nata nel 1978, che impegna i suoi monaci ad un regime vegetariano. Riproponendo in occidente l’antichissima tradizione della preghiera esicastica, che parte dalla valorizzazione del corpo nella strada spirituale, i Ricostruttori hanno voluto riproporre anche le pratiche ascetiche ad essa connesse tra cui l’astensione dalla carne dal pesce e dalle bevande eccitanti.

Nella storia degli ordini religiosi, come abbiamo visto, l’interesse per l’astinenza dalla carne è contrassegnato da un altalenarsi di slancio e di rilassamento, mentre è più costante nella vita di chi ha raggiunto i vertici più alti della perfezione cristiana: i santi.

 

TRATTO DA: I VEGETARIANI NELLE TRADIZIONI SPIRITUALI di Padre Guidalberto Bormolini

[1] Cfr. D. Carena, Il Cottolengo e gli altri, Torino 1988, p. 309.

[2] D. Carena, Il Cottolengo cit., p. 309.

 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 25 Febbraio 2015 15:00

Il convegno si svolgerà in Sant’ Ambrogio, Piazza Sant'Ambrogio 15

20123 MILANO

Con i mezzi pubblici si arriva direttamente in Sant’Ambrogio con la

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 26 Febbraio 2015 10:29
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 25 Febbraio 2015 18:03

Sapienza 1,14

Egli infatti ha creato tutto per l'esistenza;
le creature del mondo sono sane,
in esse non c'è veleno di morte,
né gli inferi regnano sulla terra,

 
PDF Stampa E-mail
Sabato 21 Febbraio 2015 17:51

Giobbe 12:7

Ma interroga un po' gli animali,
e te lo insegneranno;
gli uccelli del cielo, e te lo mostreranno;

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 1 di 323
SEO by Artio
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire