Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

Botti di fine anno, consigli utili per salvare Fido PDF Stampa E-mail
Scritto da Annalisa   
Lunedì 30 Dicembre 2013 09:41

Botti di fine anno, consigli utili per salvare Fido

I cani, con il loro udito finissimo, sono i più esposti a crisi di terrore. Mai liberarli dal guinzaglio, rassicurarli e non lasciarli al buio. E soli, se si può. Tempo di botti. Un'usanza dura a morire che crea non pochi problemi agli animali, non solo domestici. Gli animali - spiegano gli etologi - hanno sensi molto più sviluppati dei nostri, l'udito in particolare. Per loro il fragore dell'esplosione costituisce un inequivocabile segnale d'allarme che innesca reazioni incontrollate di panico e, terrorizzati, fuggono alla cieca, mettendosi spesso nei guai. Sempre che non finiscano sotto un'automobile. Per i proprietari di animali diventa pertanto essenziale riuscire a gestire eventuali situazioni problematiche che si potrebbero presentare a Capodanno, soprattutto per i cani.

 

Ecco alcuni suggerimenti della Protezione animali: se l'animale è particolarmente sensibile e ha già dimostrato insofferenza ai botti, rinunciare al veglione e aspettare la mezzanotte insieme al cane in una zona tranquilla della casa; non premiare una eventuale agitazione del quattrozampe con carezze “rassicurative” poiché ne confermerebbero il comportamento; se le reazioni sono troppo violente, tener presente che l'animale può anche avere un collasso. In questo caso rivolgersi al veterinario per un rimedio temporaneo; quando portate a spasso il vostro cane, non liberatelo mai dal guinzaglio, neanche al parco o nei soliti posti di sgambamento; tenete chiusi temporaneamente in un luogo comodo e rassicurante i vostri quattrozampe, anche quelli che normalmente vivono all'esterno; assicuratevi che il cane o gatto porti la medaglietta identificativa (con indirizzo e telefoni validi); tenete alto il volume della TV o radio, specialmente se l'animale resterà in casa da solo, per soffocare gli altri rumori esterni.

 

E se invece si è deciso di trascorrere la notte dell'ultimo dell'anno fuori casa e pertanto il cane resta a casa da solo, cosa bisogna fare? Ecco altri semplici, ma utili consigli degli esperti: lasciare le luci accese e le porte aperte nelle stanze a disposizione del cane, avendo l'accortezza che la sua cuccia sia facilmente raggiungibile; non lasciare oggetti che lo possano ferire, lasciargli a disposizione i suoi giochi e qualcosa da rosicchiare, la ciotola dell'acqua (anche se, quando un cane è spaventato, non mangia e non beve). E infine a a mezzanotte far squillare il telefono: potrebbe distrarlo ed eventualmente calmarlo, trattandosi di un suono conosciuto e rassicurante.

 

Oltre ai botti, altre insidie natalizie per il nostro cane sono le decorazioni e l'albero. Tanto più se è ancora un cucciolo e ha l'abitudine di rosicchiare. Niente palline di vetro attaccate ai rami con ganci di metallo: meglio optare per decorazioni in plastica. L'albero andrebbe posizionato in un luogo appartato e se possibile coprire i fili elettrici. Se l'albero è vero, infine, tenere la pianta ben idratata per evitare che seccandosi gli aghi diventino ancora più appuntiti e possano provocargli problemi.


L'Arena.it

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 30 Dicembre 2013 09:49
 
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire