Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

Il sacrificio dell'agnello e il dibattito di Laodicea PDF Stampa E-mail
Scritto da Renato Criscuolo   
Giovedì 22 Marzo 2012 08:10

Il sacrificio dell'agnello e il dibattito di Laodicea


Nel 165 dC si ebbe in Laodicea, cittadina dell’Asia Minore, un importante dibattito sulla Pasqua che interessò i maggiori vescovi e padri della Chiesa dell’epoca. Infatti, nei primi secoli del cristianesimo, gli ebrei convertiti alla nuova religione si attenevano ancora alla legge mosaica e alle sue prescrizioni, mentre i pagani di cultura greco romana convertiti al Cristianesimo non osservavano le tradizioni e le usanze ebraiche, prima fra tutti la circoncisione.

Il dibattito di Laodicea ebbe come tema la Pasqua. I cristiani di origine ebraica la festeggiavano ancora il 14 del mese di Nisan, come voleva la legge di Mosè, ed erano detti per questo quartodecimani. I convertiti di origini pagane invece vedevano nella festa di Pasqua non il giorno del sacrificio di Gesù, ma quello della Sua Risurrezione: è quello dalla morte alla vita e non quello dalla vita alla morte il vero passaggio.

Comunque, tutti i padri della Chiesa, sia quelli quartodecimani sia gli altri, si trovarono concordi nell’abolire il sacrificio dell’agnello pasquale, poiché tale sacrificio altri non era che una prefigurazione della Passione di Cristo e che, ora che il vero sacrificio era stato compiuto, l’immolazione dell’agnello non aveva più senso. Particolarmente interessante a riguardo la posizione di Ippolito di Roma che scrisse: "Mangiato la Pasqua, ma l’ha sofferta su di sé" (Chronicon Paschale, 92, 80). Gerapoli, attestato su posizioni quartodecimane, scrisse: "Sacrificio, il Figlio di Dio al posto dell’agnello", dove l’accento è su quel “vera”, Aleqinon, che indica nella Pasqua cristiana la realizzazione del tupos, la figura, e quindi il compimento della Promessa dell’Antico Testamento. Tutti questi padri fondavano le proprie affermazioni sul Vangelo di Giovanni che, a differenza dei sinottici, pone la morte di Gesù il 14 e non considera quindi l’ultima cena come un banchetto pasquale.

Ultimo aggiornamento Sabato 05 Gennaio 2013 19:35
 
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire