Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

Santa Sede: il Creato tema fondamentale PDF Stampa E-mail
Scritto da Annalisa   
Venerdì 09 Maggio 2014 09:30

Santa Sede: il Creato tema fondamentale


Simposio in Vaticano. Mons. Sorondo: sensibilizzare opinione pubblica ai cambiamenti climatici.
Sensibilizzare la politica e l’opinione pubblica allo sviluppo sostenibile: è l’esortazione emersa dal Convegno organizzato in Vaticano dalla Pontificia Accademia delle Scienze. Scienziati provenienti da prestigiose università internazionali hanno sottolineato i rischi del crescente surriscaldamento terrestre. A concludere i lavori del simposio, ieri, il cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, mons. Marcelo Sánchez Sorondo. Elvira Ragosta lo ha intervistato:


R. - C’è un cambiamento climatico che dipende dall’attività umana. Questa è una cosa che molti non vogliono accettare. L’Accademia delle Scienze ha studiato questi problemi, con un’equipe molto buona, composta da tre premi Nobel: Crutzen, Molina e Ramanathan. A questa loro posizione hanno pian piano aderito i fisici, i biologi e alla fine gli economisti. Ormai quindi si può dire che sia una opinione condivisa. Il problema più serio è che le conseguenze di questo cambiamento climatico, che è il riscaldamento, sono sofferte da tre miliardi di uomini, praticamente la metà dell’umanità, che non ha il petrolio e che non gode nemmeno dei vantaggi che dà il petrolio.
D. - Per lo sfruttamento della natura di poche persone, il tasso d’interesse lo pagano poi gli altri…
R. - Lo paga la maggioranza. Quei pochi ricchi si difendono e non invece quelli davvero poveri.
D. - Come si sensibilizza l’umanità nella salvaguardia del Creato?
R. - La prima cosa è che l’umanità sia consapevole del problema. Il grande sforzo, quindi - e a questo serve anche il Meeting - è che l’opinione pubblica capisca. Naturalmente l’opinione pubblica ha tanti problemi - il problema economico, quello della mancanza di lavoro e così via - e non vede i problemi di fondo, avendone di più immediati. Che la gente, però, grazie ai media capisca che questo è realmente un problema fondamentale, visto che vi si gioca il futuro della nostra solidarietà con le generazioni future. E la gente comincia a percepirlo, essendo la prima naturalmente a soffrire di questi cambiamenti climatici.
D. - Si parla di una possibile Enciclica sull’argomento della salvaguardia del Creato...
R. - Beh, io ho sentito il dialogo che ha avuto il Papa con i due organizzatori. Uno gli ha detto che il problema era serio - molto semplicemente - e che i più poveri del mondo ne soffrivano le conseguenze. L’altro gli ha detto che oggi non si poteva avere una soluzione a questo senza un’unione dell’umanesimo con le scienze della natura. Il Papa naturalmente ne era del tutto consapevole, gli ha detto che avrebbe pregato, essendo appunto consapevole del problema. Ancora veramente non c’è nulla di ufficiale. Forse la farà, essendo quello del Creato un tema fondamentale.

 

Vatican.va

 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 09 Maggio 2014 09:35
 
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire