Il cervo e san Francesco di Paola PDF Stampa E-mail
Scritto da Marilena   
Lunedì 02 Aprile 2018 11:33

Il cervo e San Francesco di Paola

"Un giorno, mentre Francesco di Paola andava per boschi, trovò un piccolo cervo che i cacciatori volevano catturare. Francesco lo protesse e lo lasciò libero. Dopo lungo tempo, mentre altri cacciatori inseguivano quel cervo per catturarlo, fuggì verso il convento e si fermò sotto la cella di Francesco. Quel cervo poi seguiva il buon padre in chiesa e dovunque andasse, leccava il suo saio facendogli festa come un suo difensore..." (Piero Addante, San Francesco di Paola).

 

San Francesco di Paola, per il grande rispetto che portava verso gli animali e per penitenza corporale, inserì nella sua Regola che "Tutti i frati di quest'Ordine si asterranno completamente dai cibi di grasso e faranno frutti degni di penitenza sì da evitare completamente le carni e quanto da esse proviene. Pertanto a tutti e a ciascuno di essi è assolutamente e incontestabilmente proibito di cibarsi, dentro e fuori convento, di carni, di grasso, di uova, di burro, di formaggio e di qualsiasi specie di latticini e di tutti i loro composti e derivati...". San Francesco di Paola visse sino a 91 anni in un'epoca nella quale la vita media era solo di 40 anni... Sarà stato merito anche del suo regime alimentare vegan?

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Aprile 2018 10:58
 
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire