"Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo" (Mc 7,15): la nostra scelta vegetariana non deve essere per desiderio di non "contaminazione" (da cadavere), ma come cambiamento, come cuore puro. Dal cuore infatti esce l'intenzione di uccidere una creatura di Dio per mangiarla. Cambiando il nostro cuore in Cristo e rendendolo in Lui puro riprendiamo l'immagine e somiglianza con Dio Amore, che - neccessariamente - aborrisce ogni violenza. E Dio disse: "Ecco, Io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme:saranno il vostro cibo" (Gen 1,29)

StatutoSante Messe di A.C.V. CalendarioIl veganismo nella prospettiva escatologica della Bibbia

Sito dell'Associazione Cattolici Vegetariani
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 08 Dicembre 2010 14:08

Maria Regina della Pace, in Lei il creato riprende l'antico splendore

Oggi, l'8 dicembre, la Chiesa festeggia l'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria; questa festa ha da dirci molto rispetto all'amore del creato e al veganismo.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Dicembre 2010 20:36
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Lunedì 06 Dicembre 2010 17:31

Intervista del 10 novembre 2006 a Monsignor Canciani.

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Dicembre 2010 12:19
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 03 Dicembre 2010 13:47

Santi vegetariani, i cattolici vegetariani sono in buona compagnia

Una lista di ALCUNI Santi -in ordine alfabetico- da cui prendere esempio, una testimonianza nella Chiesa: i Santi ci indicano la direzione da prendere

Agostino di Ippona (354-430), santo, vescovo, la  sua mensa era parca e frugale, composta di erbaggi e legumi.

Ambrogio di Milano (339-397), santo, vescovo, tra i primi dottori della Chiesa latina, scrittore, fu assertore del regime vegetariano, escludeva dalla sua mensa carne, pesce, uova e latticini, nutrendosi di erbaggi, frutta e verdura. Diceva: “La carne fa cadere anche le aquile che volano”.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Gennaio 2016 09:38
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Lunedì 06 Dicembre 2010 14:18

Carne, sostanza incompatibile con la natura umana

Dr. Chim. Mauro Damiani, presidente Associazione Scienza della Salute

La carne non è un cibo idoneo per l'uomo: su quest'asserzione non ci sono ormai più dubbi, una copiosa letteratura l'attesta e lo documenta. In subordine è quantomeno ampiamente provato che non è indispensabile per la salute dell'uomo. Il completo controllo dei poteri industriali sui mezzi d'informazione impedisce che queste importanti conoscenze siano di dominio pubblico, ma, nonostante tutto, il processo di diffusione su mezzi alternativi è incominciato e si ritiene che sia ormai inarrestabile.

La dannosità della carne non dipende soltanto dalla somma di sostanze chimiche, spesso di sintesi,

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Giovedì 02 Dicembre 2010 12:32

 

 Dalla vita di San Francesco: liberava i leprotti dai cacciatori e i pesci dai pescatori.

 

Una volta, mentre stava nei pressi di Greccio, gli fu portato da un frate un leprotto preso vivo al laccio, e il beatissimo uomo, vedendolo, commosso disse : «Fratello leprotto, vieni da me; perché ti sei fatto prendere?». E tosto la bestiola, lasciata libera dal frate che la teneva, si rifugiò presso il Santo e, senza che alcuno ve la spingesse, si pose sul suo grembo come in luogo sicurissimo. Dopo che vi si fu riposato un poco, il Padre santo accarezzandolo con affetto materno lo lasciò andare,. La medesima tenera pietà aveva pei pesci, che, quando poteva, rimetteva nell'acqua ancor vivi dopo che erano stati presi, raccomandando loro di badare a non farsi prendere ancora. Una volta, mentre stava in una barchetta presso un porto del lago di Rieti, un pescatore, preso un gran pesce che volgarmente si chiama tinca, gliel'offrì con devozione; ed egli ricevendolo premuroso e lieto, prese a chiamarlo col nome di fratello, poi lo rimise in acqua fuori della barca, benedicendo devotamente il nome del Signore. E così per un po' di tempo, mentre egli pregava, il pesce scherzava nell'acqua vicino alla barchetta, né si allontanò di là, finché, terminata la preghiera, il Santo di Dio non gli diede licenza di andarsene.

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Dicembre 2010 14:19
Leggi tutto...
 
«InizioPrec.351352353354355356357358359360Succ.Fine»

Pagina 353 di 366
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire