Login



Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

"Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall’uomo a contaminarlo" (Mc 7,15): la nostra scelta vegetariana non deve essere per desiderio di non "contaminazione" (da cadavere), ma come cambiamento, come cuore puro. Dal cuore infatti esce l'intenzione di uccidere una creatura di Dio per mangiarla. Cambiando il nostro cuore in Cristo e rendendolo in Lui puro riprendiamo l'immagine e somiglianza con Dio Amore, che - neccessariamente - aborrisce ogni violenza. E Dio disse: "Ecco, Io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme:saranno il vostro cibo" (Gen 1,29)

StatutoSante Messe di A.C.V. CalendarioIl veganismo nella prospettiva escatologica della Bibbia

Sito dell'Associazione Cattolici Vegetariani
PDF Stampa E-mail
Lunedì 18 Novembre 2019 18:52

Rete di Avvento: considerato che l'Avvento è un tempo spirituale forte vorremo creare una rete di preghiera per il creato per tutto il tempo di Avvento. Chiediamo tre minuti di preghiera al giorno, ogni giorno per tutto il periodo di Avvento, dedicati alla creazione (meditando ad esempio i misteri del Rosario del Creato _ Associazione Cattolici Vegetariani , oppure una decina del rosario o una qualsiasi forma di preghiera e di meditazione) chi vuole dare la propria adesione può mandare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. con il suo impegno di preghiera

 
PDF Stampa E-mail
Domenica 10 Novembre 2019 16:52

La nostra vocazione

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Nella prassi oggi viene spesso rimproverato a coloro che hanno scelto di rispettare la vita animale, di non occuparsi a sufficienza della vita umana; però non vi è accusa più infondata di questa, in quanto la persona che rispetta la vita animale ha capito l’amore che deve a ogni essere creato. L’amore divino, quando entra nella vita di una persona, la riempie, e la persona animata dall’amore di Cristo innanzitutto prova un amore totale per Dio, e poi man mano questo amore si riversa su chiunque si trovi a essere prossimo, dapprima i nostri famigliari, poi i nostri amici, poi i conoscenti, poi qualsiasi persona e infine qualsivoglia essere vivente.
Come Dio ha risposto al personale bisogno d’amore, così la persona diventa “capace” di rispondere ai bisogni dell’altro («Ama il prossimo tuo come te stesso»), quali che siano gli aspetti che lo qualificano: provenienza, razza, gruppo di appartenenza, ceto sociale, professione e così via. Esiste certamente una gerarchia, ma essa può indicare un ordine di priorità e non certo divenire pretesto di esclusione.
Inoltre esistono multiformi varietà di vocazioni: alcuni sono votati all’amore contemplativo, altri all’educazione; alcuni sono chiamati al sacerdozio, altri alla cura dei malati, altri ancora alla vicinanza con i carcerati; alcuni sono chiamati ad addentrarsi nella sofferenza umana e altri ancora hanno ricevuto nel cuore il grido degli “ultimi” e sanno rivolgersi in via principale a dare voce a chi non ne ha e a portare cura e amore a ogni creatura. Dio sa come assegnare i carismi, solo lui può sapere quale sia la vocazione di ciascuno e per questo non possiamo che ringraziare la sua Provvidenza, che ci rende un sol corpo nonostante la differenza di talenti e di carismi.
(nella foto: degli esseri viventi stipati nei camion per diventare prosciutti; il testo è tratto dal libro Cibo e sesso, natura cultura e spiritualità -libro-)

 
PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Settembre 2019 09:33

Associazione Cattolici Vegetariani aderisce allo sciopero del Friday For Future

 

 

Risultati immagini per friday for future

 

 
PDF Stampa E-mail
Domenica 13 Ottobre 2019 09:56

Recensione su "il sussidiario.net" di "Cibo (e sesso), natura cultura e spiritualità"

LINK DIRETTO CLICCA QUI

Ultimo aggiornamento Domenica 13 Ottobre 2019 09:58
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Domenica 01 Settembre 2019 12:37

14ª Giornata Nazionale per la Custodia del Creato

Fonte: Chiesa Cattolica.it

"Quante sono le tue opere, Signore” (Sal. 104, 24) Coltivare la biodiversità

Imparare a guardare alla biodiversità, per prendercene cura: è uno dei richiami dell’Enciclica Laudato Si’ di papa Francesco. Esso risuona con particolare forza nel documento preparatorio per il Sinodo che nell’ottobre del 2019 sarà dedicato all'Amazzonia, una regione che è “un polmone del pianeta e uno dei luoghi in cui si trova la maggior diversità nel mondo” (“Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per un’Ecologia Integrale”, n.9).

La Giornata per la Custodia del Creato è allora quest'anno per la Chiesa italiana un’occasione per conoscere e comprendere quella realtà fragile e preziosa della biodiversità, di cui anche la nostra terra è così ricca. Proprio il territorio italiano, infatti, è caratterizzato da una varietà di organismi e di specie viventi acquatici e terrestri, a disegnare ecosistemi che si estendono dagli splendidi boschi delle Alpi – le montagne più alte d’Europa – fino al calore del Mediterraneo.

Celebrazione nazionale - diocesi di Cefalù

  • VEDI dettaglio degli incontri dal 31 agosto al 8 settembre a Cefalù
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 7 di 378
maria8_2.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire