Archivio

Newsletter di A.C.V.

Qui puoi iscriverti alla nostra newsletter!
Newsletter A.C.V.


Ricevi HTML?

Besciamella vegana PDF Stampa E-mail
Scritto da Annalisa   
Giovedì 16 Ottobre 2014 09:35

Besciamella vegana


Questa é una di quelle ricette che sorprendono sempre, tanto chi la fa, quanto chi l’assaggia. L’espressione di meraviglia sui parenti che dicevano ‘la mangi te, la besciamella vegetale’ dà una soddisfazione impagabile.


Il timore comune in questo tipo di preparazione é il fatto che venga utilizzato il latte di soia. Io non lo uso volentieri, specie dopo la scoperta delle tante bevande vegetali alternative. Faccio spesso il latte di mandorle in casa (o di nocciole, ora che sono in stagione): comprando un pacco di mandorle da un chilo, la spesa si riduce notevolmente. Basta avere l’accortezza di ammollare le mandorle la sera prima.

Se non si ha comunque la voglia di farselo da sé, la versione compra, o il latte di riso, sono buone alternative. basta assicurarsi che non siano zuccherati! Tuttavia, poche bevande battono un buon latte di mandorle fatto in casa! Io ci ho di recente fatto una pasta al forno, ed ha riscosso un successo incredibile. Chi segue una dieta vegan conoscerá il lievito alimentare a scaglie, che conferisce a molte preparazioni un sapore simile a quello di un formaggio stagionato. Io consiglio di provarne l’aggiunta per un risultato ancora piú buono interessante dal punto di vista del sapore. La ricetta della besciamella base é molto semplice: 50 grammi di grasso, 50 grammi di farina, e 500 ml di liquido.

Quindi, per la besciamella vegan, avremo bisogno di: 50ml di olio d’oliva, 50g di farina, e 500ml di latte di mandorla o di nocciola, preferibilmente fatto in casa*. Per insaporire, un cucchiaino di sale, del pepe, noce moscata e, per aggiungere un sapore quasi di formaggio, si puó scegliere di utilizzare un cucchiaio colmo di lievito alimentare in scaglie. Scaldare leggermente l’olio, e, poco alla volta, aggiungere la farina mescolando continuamente con una frusta per non formare grumi. Una volta creato un fondo liscio, aggiungere il latte di mandorle tiepido poco alla volta, mescolando. Salare, pepare e aggiungere una bella grattata di noce moscata, insieme al lievito alimentare se si decide di utilizzarlo.

Mescolare piano di tanto in tanto, fino a che la besciamella non cominci a fare delle bollicine. A questo punto inizierá a rapprendersi, e sará necessario mescolare continuamente. Raggiunta una consistenza cremosa, togliere dal fuoco e continuare a mescolare un altro minuto. Teniamo a mente che la besciamella continuerá a stringere raffreddandosi. Se stringe troppo, basterá allungarla con una tazzina di latte vegetale riscaldato. Si puó utilizzare un tutte le preparazioni in cui si utilizzerebbe la besciamella, dalla pasta al forno a legante per crocchette e polpette veg.

Se avanza, si congela e scongela benissimo. *Per fare il latte di mandorla o di nocciola, ammollare una quantitá di frutta secca pari a una tazza da 250ml colma in abbondante acqua, e lasciare a bagno per 12 - 24 ore. Piú a lungo durerá l’ammollo, piú cremoso sará il risultato. Al termine del tempo sciacquare bene, e frullare con il doppio del volume della frutta secca (in questo caso, 500 ml di acqua naturale). Setacciare e strizzare bene tutto con un panno da formaggio, o con un pezzo di cotone pulito a trama sottile. Ció che rimane delle mandorle o nocciole puó essere usato in aggiunta a dolci o essiccata a forno molto basso.



Corriere.it

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 16 Ottobre 2014 09:54
 
divina_misericordia.jpg

Il Santo del giorno

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire